lymphatic-surgery

L’esperienza Chirurgica per il paziente

lymphedema-4
lymphedema-5

Soffro di linfedema. Quale procedura chirurgica è più indicata al mio caso?

Alla luce del suo stadio clinico e di funzione del suo sistema linfatico, durante la visita discuteremo l’opzione chirurgica più indicata al suo caso.

Quali aspettative devo avere dall’intervento chirurgico?

Il linfedema è una patologia cronica, progressiva e debilitante e, ad oggi, non sono ancora completamente noti tutti i meccanismi fisiopatologici coinvolti nell’insorgenza e nella progressione di questa malattia.

Sebbene la stasi di linfa sia la caratteristica principale di questa malattia, essa è anche responsabile delle alterazioni permanenti a carico della cute e del sottocute dell’arto linfedematoso così come del rischio di eventi infettivi/infiammatori.

Lo scopo dell’intervento di anastomosi linfatico-venose o di trapianto di collettori linfatici e/o linfonodi è quello di trattare o ridurre la linfostasi, il principale determinante di questa malattia.

Questo si traduce praticamente nei seguenti benefici:

  • miglioramento dei sintomi dovuti al linfedema (senso di peso, alterazioni di sensibilità, dolore);
  • riduzione della progressione del linfedema;
  • riduzione parziale della circonferenza dell’arto;
  • riduzione dell’incidenza delle complicanze infettive / infiammatorie dovute al linfedema.

La percentuale di successo di questa chirurgia dipende molto dallo stadio clinico del linfedema. Solitamente pazienti con forme di linfedema lieve rispondono meglio di pazienti con forme più avanzate, anche se alcuni pazienti con linfedemi avanzati rispondono in modo sorprendente in quanto non presentano una degenerazione linfatica avanzata.

Potrò liberarmi dagli indumenti compressivi?

Dopo l’intervento chirurgico di anastomosi linfaticovenose con tecnica supermicrochirurgica e intervento di trapianto di tessuto linfatico e/o linfonodi, la maggior parte dei pazienti presenta un’evidente riduzione della circonferenza, un miglioramento del colore e dell’elasticità cutanea nonchè un miglioramento dei sintomi associati al linfedema.

Una buona quota di pazienti riuscirà a liberarsi degli indumenti compressivi.

Grazie alla stretta collaborazione con fisioterapisti ultraspecialisti nel trattamento fisioterapico del linfedema dopo gli interventi micro e supermicrochirurgici, ciascun paziente sarà seguito nel modo più appropriato e personale possibile, per assicurare il miglior risultato possibile ad ognuno.

Quali accorgimenti devo usare?

I pazienti con diagnosi di linfedema devono prestare particolare attenzione all’igiene della cute ed evitare qualsiasi forma di trauma locale, anche minimo come una puntura di insetto, e trattare eventuali ferite locali con particolare attenzione per minimizzare il rischio di infezione che a sua volta peggiora il linfedema.

graphic_arrow_left

03

Contatti

Quick Contact

  • * Si prega di omettere messaggi relativi a problematiche strettamente mediche. In questi casi ti invitiamo a prenotare una visita.
    Vedi Termini di Utilizzo
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
map-1
Villa Benedetta - Casa di Cura Privata
Casa di Cura Privata
Circonvallazione Cornelia
65 - 00165, Roma
Indicazioni stradali
Tel: 06.66.65.21
map-2
Policlinico Universitario “Agostino Gemelli”
largo Agostino Gemelli, 8
00169, Roma
Indicazioni stradali
Tel: 06.8881.8881